Come prevenire la presenza di topi e ratti in casa

Con l’arrivo della stagione autunnale topi e ratti vanno in cerca di un rifugio caldo e sicuro dove ripararsi dal freddo. Normalmente le case con giardino sono più esposte al rischio di diventare tane per roditori, ma anche chi vive in un appartamento non può stare tranquillo. Basti pensare, infatti, che i topi sono capaci di salire per i tubi, saltano fino a 1 metro di altezza e riescono persino a passare attraverso fessure molto piccole, specialmente quando sentono l’odore del cibo, dal quale sono particolarmente attratti.

Questi fastidiosi animali sono onnivori e si cibano soprattutto di zuccheri, cereali e frutta. E’ indispensabile occuparsi del problema e curare l’ambiente al fine di prevenire la presenza di topi e ratti, specialmente per chi risiede in luoghi dove le infestazioni sono consuete.

Quali sono i segnali per capire se ci sono topi in casa?

I primi indicatori della presenza di ratti in casa sono gli escrementi che solitamente depositano in quantità elevate, specialmente vicino al lavandino, alle ciotole di animali domestici, dentro le dispense e ovunque possano esserci residui di cibo.

 

Un altro segnale dell’infestazione è costituito dai piccoli fori o rosicchiature in pacchi di pasta, farina o biscotti. Sovente è possibile scorgere anche impronte e segni del loro passaggio; in più, anche il cattivo odore può suggerire se siano o meno presenti dei topi in casa.

Quali sono i pericoli per la salute?

Ratti grigi e neri e topi di città o di campagna sono accomunati dall’essere estremamente infettivi e portatori di malattie pericolose per l’uomo. A tal proposito, abbiamo dedicato un intervento relativo alle malattie diffuse da topi e ratti che vi consigliamo di leggere se desiderate approfondire l’argomento. Quando si ispeziona la casa alla ricerca di roditori è sempre meglio proteggersi con guanti e mascherina onde evitare di rimanere infetti: questo spiega, infatti, perché sia indispensabile rivolgersi a dei specialisti quando la minaccia si trasforma in un’infestazione che richiede una derattizzazione professionale..

Come fare per prevenire la presenza di topi e ratti in casa?

Per prima cosa bisogna curare l’igiene di ciascun ambiente, pulendo e disinfettando le zone più a rischio come la cucina, le dispense, cantine, taverne e garage. E’ indispensabile anche tenere i bidoni dell’immondizia ben sigillati e rimuovere il cibo in eccesso nelle ciotole degli animali domestici quando terminano il pasto. Inoltre, è consigliato conservare gli alimenti in contenitori ermetici per evitare che possano attrarre i topi ed essere contaminati dagli stessi roditori.

 

Un’ulteriore precauzione può essere presa sigillando gli accessi dall’esterno con mastice, silicone o con sottili reti metalliche, considerando che i topi riescono a passare anche attraverso buchi o fessure di soli 5 mm. Se tutto questo non dovesse bastare, per tenere i topi lontani da casa sarà allora necessario ricorrere a tecniche più aggressive ma di certo risolutive.

 

Prima di iniziare la derattizzazione è opportuno indicare, mediante l’esposizione di un apposito cartello segnalatore, che si sta effettuando un monitoraggio della presenza di topi/ratti in casa. Ovviamente è sottinteso che bambini e animali domestici dovranno essere allontanati dall’ambiente che intendete disinfestare. Esistono comunque delle soluzioni non pericolose, ma dato che la maggior parte contengono veleno, è meglio prevenire situazioni spiacevoli.

Strumenti efficaci da prendere in considerazione per allontanare o eliminare i topi

Esche topicide in blocchetti, paste o graniglie

Esche per topi fresche che attirano i roditori con miscele di cereali e sostanze attrattive anticoagulanti, da inserire all’interno di appositi contenitori per esche rodenticide; si trovano in dosi da 30-40 grammi e vanno posizionate negli angoli più a rischio di infestazione, stando attenti a tenerle fuori dalla portata di altri animali domestici e bambini.

Per un intervento ancora più massivo, si può optare per l’uso di esche a base di bromadiolone, un anticoagulante di ultima generazione, capace di risolvere in maniera definitiva il problema dei ratti in casa.

Trappole per topi tradizionali singole o multicattura

Trappola per topi a cattura multipla
In commercio sono disponibili trappole di diverse misure e dimensioni a seconda dell’entità del problema da risolvere; al loro interno è necessario inserire esche o cartoncini collanti.

 

Sono efficaci anche contro le blatte e altri tipi di insetti o animali striscianti. Inoltre, possono essere fissate al muro in modo molto comodo e sicuro.

Trappole per ratti elettriche

Trappola per ratti elettronica Electrat della PelsisIdeali per gli ambienti interni, nei quali non è possibile utilizzare sostanze chimiche, consistono in un sistema di intrappolamento estremamente facile in grado di intrappolare fino a 12 ratti (a seconda della grandezza della trappola).

 

Non occorrono ulteriori esche o carte collanti, ma è sufficiente introdurre un set di 4 pile di classe C. I topi muoiono a seguito di una scossa elettrica una volta giunti all’interno della trappola.

Trappole collanti

trappola collante per topi e scarafaggiCartoncini cosparsi di colla e alimenti attrattivi per ratti o per topi: è una soluzione molto economica ed estremamente semplice da utilizzare, la quale offre anche la possibilità di cattura multipla che si ottiene posizionando il cartoncino con l’apposito erogatore in acciaio inox rivolto verso l’alto.

 

I cartoncini collanti, proprio come le esche, possono essere inseriti all’interno di altri contenitori appositi, quali le trappole per topi classiche.

 

Trappole per topi multicattura in cartoncino collante

Trappola per ratti multicattura della OrmaQueste trappole hanno l’obiettivo di catturare i topi vivi; si caratterizzano per il coperchio trasparente che consente di monitorare se i topi o i ratti siano stati intrappolati. Inoltre, il sistema della porta basculante renderà impossibile ai ratti intrappolati di uscire.

 

Ideali da posizionare sotto apparecchi quali lavastoviglie, depositi di alimenti o in prossimità di punti punti di passaggio verso l’esterno dell’abitazione.

 

Scacciatopi elettronico ad ultrasuoni

Funziona emettendo ultrasuoni a frequenza variabile, non udibili dall’orecchio umano né di altri animali domestici, ma altamente fastidiosi sia per i topi che per diversi insetti. L’uso di questo innovativo dispositivo permette di evitare l’impiego di esche, cartoncini collanti o altre sostanze chimiche per la cattura dei roditori, ma si tratta di una soluzione capace unicamente di allontanare i ratti, non di eliminarli definitivamente.

Lo scaccia topi copre un raggio di novanta metri cubi, sfruttando l’energia elettrica (230V, 50 Hz) ed è necessario tenerlo sempre acceso se si vuole essere certi che risponda efficacemente allo scopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *