Eliminare gli insetti delle derrate alimentari: monitoraggio e disinfestazione

In natura esiste un gruppo corposo ed eterogeneo di insetti delle derrate alimentari, una minaccia che richiede un intervento repentino e professionale per evitare danni ingenti.
Proprio nel mese di luglio 2015, il GSA (giornale dei servizi ambientali) ha trattato l’argomento, sostenendo che in media circa il 10% delle derrate sono soggette ad infestazioni più o meno gravi (in tutto il nostro pianeta, s’intende).

 

Le condizioni ambientali costituiscono uno dei disagi maggiori: l’umidità incrementa la velocità riproduttiva di tali organismi animali, intensificando di conseguenza i danni diretti e indiretti.
Questi fastidiosi insetti infestano abitazioni, depositi, industrie e qualsiasi luogo in cui siano presenti derrate alimentari sfuse e confezionate: insaccati, formaggi, cereali, legumi, frutta secca, riso, noci, caffè, cioccolata, biscotti, pasta, mangimi, farine e derivati, semi e così via.

 

Il primo passo per arrestare l’invasione consiste nell’impiego di sistemi appositamente realizzati per monitorare e intrappolare questa specie di piccoli ma temibili nemici, da utilizzare solo in determinati punti essendo composti da formulati chimici. Feromoni, colle, trappole meccaniche e luminose: le soluzioni sono molteplici ma la loro efficacia prescinde anche dall’uso che se ne fa.

 

Con questa affermazione non vogliamo scoraggiarvi ad utilizzarle, ma esortarvi a comprendere l’entità della minaccia prima di intervenire: in certi casi, è necessario avvalersi di esperti del settore che sappiano trattare il problema a trecentosessanta gradi.

I luoghi che vengono presi di mira e infestati dagli insetti delle derrate sono i seguenti:
– ambienti di produzione
– ambienti di lavorazione
– ambienti di stoccaggio

 

Roditori, acari e una gran varietà di insetti (centinaia e centinaia!) risiedono all’interno delle confezioni contenenti gli alimenti destinati al consumo umano: ne deriva una diffusione di germi e batteri tale da costringere chiunque debba fronteggiare tale minaccia, a sbarazzarsi definitivamente degli alimenti contaminati per prevenire una possibile infestazione prima di applicare degli insetticidi per gli insetti delle derrate.

Come prevenire il problema degli insetti delle derrate alimentari

Esistono delle accortezze che possono aiutarvi notevolmente in questa battaglia: d’altronde il primo passo per fronteggiare il problema sta nell’evitare che i parassiti possano accedere ovunque siano presenti delle derrate alimentari. Occupatevi da subito di porte e finestre, installando zanzariere, reti di metallo o di nylon a maglia fine che blocchino davvero il passaggio, ed eliminate tutto ciò che attrae gli insetti.

La lista è certamente lunga, ma un livello di igiene ottimale è un fattore indispensabile. Allora attenzione ai rifiuti e allo sporco che ne deriva: i cassonetti devono essere sempre puliti e chiusi. Utilizzate sacchi sigillati e non trascurate pozzi, scoli esterni e altre aree che rientrino tra i possibili “luoghi di annidamento”.

Esca insetticida gel per blatte e scarafaggi ad azione immediata Mythic 10 SC della Colkimpistola insetticida per disinfestazione ambienti da scarafaggi e blatteInsetticida Goliath gel
Tra i metodi appropriati di protezione ritroviamo anche trappole alimentari e trappole luminose a scarica elettrica, mentre per la disinfestazione (in atto o a scopo preventivo) conviene utilizzare fumiganti o insetticidi ad azione residuale.

A tal proposito, non possiamo che suggerire due prodotti professionali che potrete acquistare anche online sul nostro e-commerce: le esche insetticida in gel Goliath Gel e Foval Gel, entrambe efficaci contro blatte e scarafaggi, così come l’insetticida gel ad azione immediata Mythic 10 SC. Questi tre prodotti necessitano di una pistola per insetticida per essere applicati.

Abbiamo già accennato all’importanza della temperatura: i mesi più caldi sono certamente i più rischiosi, per cui è bene evitare che l’umidità sia troppo elevata (max 30%). La temperatura ideale dovrebbe essere inferiore ai 16 °C.
L’igiene di ogni ambiente – specialmente degli impianti di stoccaggio – dovrà essere impeccabile: la polvere non è tollerabile, anche se disponete di attrezzature e macchinari difficili da pulire. Nessun residuo, nessuna fuoriuscita: lo sporco attira gli insetti, e questa di certo non è una novità. Togliete di mezzo tutto ciò che è cibo per loro e vedrete che andranno a cercarlo altrove.

 

 

 

 

Ma la linea di difesa da attuare richiede ulteriori attenzioni relative alla sanificazione degli ambienti da trattare. Facilitate le pulizie conservando nel modo giusto ogni materiale alimentare: le scorte devono essere conservate all’interno di imballaggi robusti, lontano dalle pareti e certamente non adiacenti al pavimento. Confezionare le materie prime privilegiando colli ermetici è una delle soluzioni più efficaci per evitare che aree di stoccaggio e di lavorazione dei prodotti alimentari possano essere infestate.
E’ consigliata anche la rotazione delle scorte, al fine di spostarle di continuo ed evitare che si trovino sempre nello stesso posto.

 

Controlli e monitoraggi adeguati non bastano ma sono necessari: evitate l’accumulo di prodotti nell’edificio e nei macchinari, identificate i segni di infestazione e attrezzatevi degli insetticidi necessari. Attenzione a ciò che utilizzate: la presenza di alimenti limita l’impiego di prodotti chimici. Cominciare con un controllo ferreo dell’atmosfera e la refrigerazione degli ambienti sarà già d’aiuto: gli insetti moriranno soffocati a causa dell’effetto tossico dell’anidride carbonica.
P.S. Non dimenticate di esaminare sempre tutte le materie prime in entrata!

Parassitoidi e insetti utili: soluzione innocua ed efficace

Negli ultimi tempi si è parlato sempre più dei parassitoidi, insetti utili contro diversi organismi nocivi e parassiti delle derrate immagazzinate. Si tratta di una soluzione che a primo impatto può sembrare inusuale, ma anni di studi ne dimostrano l’efficacia, il tutto senza costituire un pericolo per gli alimenti.

 

Il progetto svizzero che ha visto collaborare FiBL (Istituto di ricerca dell’agricoltura biologica), l’impresa specializzata in lotta antiparassitaria Desinfecta Andermatt Biocontrol AG, azienda svizzera rinomata nel settore nel biocontrollo e dei biostimolanti. Il lavoro ha avuto esito positivo in quanto gli insetti utili utilizzati per gli esperimenti hanno protetto le derrate eliminando i possibili nemici, dalle larve alle uova della tignola, senza creare alcun danno. I parassitoidi hanno invece prevenuto i problemi, eliminando gli insetti che attaccano le colture.

 

La protezione delle derrate alimentari potrebbe dunque vedere protagonisti questi insetti presenti in natura e scovati dagli esperti del progetto presso magazzini e aziende di trasformazione. Da qui, è nata l’idea di allevarli in massa per fronteggiare un problema che fino ad ora è stato risolto principalmente con l’impiego di sostanze chimiche.
Questa nuova soluzione consentirà di evitare interruzioni della produzione,  presenza di residui sui prodotti e necessità di una pulizia supplementare (gli strumenti convenzionali la richiedono). Ovviamente anche l’inquinamento dell’aria nei locali sarà una conseguenza inesistente adottando degli “insetti utili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *