Norme igienico-sanitarie: bagni a norma H.A.C.C.P.

distributore saponeChi opera in determinati settori sa bene che è necessario prestare attenzione ad alcuni aspetti indispensabili, in quanto vigono delle norme igienico-sanitarie sulle quali lo Stato Italiano non transige. Le regole da rispettare variano da regione in regione e prescindono anche dal genere di attività commerciale.

 

Uno degli elementi più importanti da considerare per il rispetto del sistema HACCP concerne i servizi igienici.

Come devono essere i bagni a norma HACCP?

Alcuni requisiti igienico sanitari sono comuni a tutti gli esercizi, i quali dovranno essere dotati di uno o più servizi igienici ad esclusivo uso del personale.
Le normative vigenti stabiliscono innanzitutto il numero di unità igieniche. Nel caso dei bar, ad esempio, questo fattore dipende dai “posti a sedere”.

  • fino a 60 posti a sedere: un’unità igienica
  • oltre i 60 posti a sedere: 2 unità igieniche distinte per uomini e donne
  • oltre i 150 posti a sedere: 4 unità igieniche distinte per uomini e donne

Un altro fattore di fondamentale importanza riguarda parte dei prodotti che la nostra azienda tratta: distributori. I servizi sanitari dovranno essere dotati di accessori per il bagno d’uso comune ovviamente indispensabili.

Stiamo parlando di:

Al tempo stesso, per ovvie ragioni, il bagno dovrà essere predisposto per l’accesso da parte dei soggetti portatori di handicap.

Non è il caso degli uffici, ma quello di molte aziende che dispongono di personale. Utilizziamo ancora, come esempio, una struttura ristorativa: un bar.

Gli impiegati necessitano di un bagno proprio, il quale dovrà essere composto da:

  • un antibagno con porta con molla di ritorno (senza maniglie)
  • rubinetti a pedale o sensore/lavello in acciaio inox o in ceramica con acqua potabile corrente calda e fredda e scarico sifonato in fognatura
  • salviette monouso per asciugare le mani
  • altezza di 2,40 metri
  • aerazione naturale o artificiale (elettroventola)

Nel caso in cui gli impiegati fossero più di 10, sarà opportuno distinguere i servizi igienici in base al sesso.
Anche in questo caso, il bagno dovrà disporre di distributori di sapone e asciugamani.

Asciugamani elettrici

Ma cosa si intende per “servizio igienico”?

Quali parametri dovrà rispettare il locale per essere considerato tale?

Dimenticate l’idea del classico bagno domestico. Le attività commerciali devono necessariamente tenere conto delle relative normative per essere a norma haccp.
Cosa bisogna considerare, dunque, per disporre di una toilette che rispetti tutti le norme?

Ecco un ulteriore elenco che sintetizza i punti principali:

  • superficie minima complessiva pari a mq. 2.00
  • antibagno con porta dotata di chiusura automatica, dotato di asciugamani, erogatore di sapone (liquido o in polvere), lavabo (comando a pedale o elettrico)
  • spazio apposito dove sarà posizionato il wc: dovrà essere presente la carta igienica ed è indispensabile anche un sistema di scarico efficiente

2 thoughts on “Norme igienico-sanitarie: bagni a norma H.A.C.C.P.

  1. x locale con flusso elevato quindi quale dispenser è consigliato calcolando consumi? elettrico (che tipo) o a carta o tela? grazie

    1. Buongiorno Francesco,
      in genere è più comodo utilizzare un dispenser elettrico per evitare consumi di carta eccessivi, spazio da dedicare ai vari rotoli e personale sempre pronto alla sostituzione; l’investimento iniziale è più elevato ma serve a ridurre i costi di mantenimento. I modelli più performanti sono gli asciugamani a lama d’aria, ma per una spesa più contenuta è possibile optare per degli asciugamani elettrici classici. Per qualsiasi altro dubbio, rimaniamo a completa disposizione. Puoi anche contattarci telefonicamente se necessiti di un consiglio sulla scelta del prodotto più idoneo alle esigenze della tua azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *