Come pulire l’argento: soluzioni per farlo brillare nuovamente

In ogni casa è presente qualcosa in argento, che siano articoli di bigiotteria, posate o il classico accessorio regalato da qualcuno. Il problema principale di complementi d’arredo, gioielli e altri prodotti realizzati in argento è costituito dall’ossidazione, il motivo per cui la lucentezza viene a mancare.

 

Come pulire l'argento

In molti non tengono in considerazione la delicatezza di certi metalli, i quali tendono a corrodersi piuttosto facilmente. Per questo è indispensabile sia pulire a dovere l’argenteria, sia conservarla con cura, utilizzando dei fogli di alluminio.
L’argento annerito, ossia ossidato, va trattato con prodotti specifici, ma esistono anche diversi rimedi naturali; abbiamo deciso di riassumere i principali metodi fai da te per pulire l’argento con estrema facilità.

 

Una volta effettuato il lavaggio, vi consigliamo di utilizzare un panno in microfibra o in cotone per asciugare l’oggetto in metallo.

Metodi naturali per pulire l’argento

Se volete fare a meno di prodotti chimici, le soluzioni alternative non mancano! Dovrete munirvi di alcuni prodotti che si trovano comunemente in cucina o in casa, come:

1) Bicarbonato di sodio

Una delle soluzioni più comuni è costituita dal bicarbonato di sodio, da aggiungere in acqua calda che potrete riscaldare tranquillamente in una pentola. Bastano circa 50 grammi di bicarbonato per ogni litro d’acqua. Attendete che l’acqua si raffreddi: successivamente potrete immergere i vostri oggetti in argento nella pentola. L’argenteria andrà sciacquata e asciugata una volta priva delle macchie dovute all’ossidazione.

2) Sale fino da cucina

Persino chi può consumarne poco, possiede del sale fino nella propria cucina, protagonista di questa soluzione fai da te per pulire l’argento grazie alla propria azione sbiancante. Munitevi di un contenitore di alluminio (vanno bene quelli usa e getta) o di carta dello stesso materiale (in questo caso vi servirà come copertura di un qualsiasi altro contenitore), aggiungete del sale fino (almeno 3/4 cucchiai per mezzo litro d’acqua) e dell’acqua calda e calibrate le quantità in base agli oggetti da sbiancare. Rimarrete sorpresi dai risultati, possibili grazie alla magia della chimica!

2) Sale grosso da cucina

Avete finito il sale fino? Nessun problema: va bene anche quello grosso! In questo caso avrete bisogno anche di acqua tiepida e sapone per i piatti; lasciate agire la miscela prima di asciugare e se i risultati non sono quelli sperati, ripetete il procedimento più volte per rimuovere maggiormente il nero dal metallo.

4) Succo di limone

L’azione sbiancante del limone è piuttosto rinomata e di certo non è l’unico beneficio di questo frutto straordinario. Vi basterà applicarlo sull’argenteria, utilizzando anche il bicarbonato (un paio di cucchiaini dovrebbero bastare). Munitevi di un panno per strofinare gli oggetti da lucidare fin quando non saranno scomparse le macchie dell’ossidazione (le riconoscerete dal colore verde). Risciacquare e asciugare et voilà: argento nuovamente lucido!
P.S. Potrete anche aggiungere della cenere per ottenere risultati più efficaci. Se in casa ci sono dei fumatori, procurarla non sarà difficile. La miscela composta da cenere e limone è alquanto efficace, anche se può sembrare inusuale.

5) Dentrificio

Ancora una volta vi servirà un prodotto immancabile in casa: il dentifricio. La sua abrasività vi consentirà di pulire per benino tutto ciò che è in argento. Basta utilizzare un panno, una spugna o anche uno spazzolino per grattare via il nero dell’ossidazione dai vostri oggetti in metallo. Dedicategli qualche minuto e otterrete la lucentezza che desiderate.

6) Ketchup

Potrà sembrarvi uno scherzo ma non lo è: anche il ketchup rientra fra i rimedi casalinghi per pulire l’argento. La base è sempre quella: acqua bollente da miscelare con il protagonista di questo pratico metodo fai da te. Calcolate una tazza di ketchup per ogni litro di acqua. Anche in questo caso, non abbiate fretta e attendete che la soluzione faccia effetto.

Detergenti professionali per sbiancare e lucidare l’argento

Non potevamo evitare di dedicare un piccolo paragrafo alle soluzioni chimiche. Molti le disdegnano, ma non possiamo biasimarli: certi prodotti in commercio sono talmente scadenti da avere un odore nauseante, senza nemmeno assicurare gli effetti auspicati. Non è il caso dei detergenti professionali e industriali in quanto, a differenza dei prodotti economici, vengono progettati specificamente per garantire determinati risultati in termini di igiene. Nei settori professionali è indispensabile disporre di articoli affidabili ed efficaci, specialmente quando si erogano servizi di pulizia. Una ditta non utilizza mica uno dei metodi sopracitati per lucidare i metalli: ovviamente ricorrerà a una soluzione apposita e funzionale.

L’esempio pratico è Tarni Shield, il prodotto che vorremmo suggerirvi. Si tratta di una crema detergente professionale per rame e metalli, soluzione ideale per la pulizia di superfici e oggetti in argento, bronzo e ottone. Il prodotto della 3M si presta a disossidare ogni tipo di metallo, fornendo al tempo stesso protezione dalla formazione dell’ossido.

 

Potrete utilizzare Tarni Shield per togliere le macchie di ruggine dalle superfici in acciaio o per trattare argenteria alla quale siete particolarmente affezionati, dato che la cremosità del detergente non graffia le superfici. I risultati ottenuti dureranno per mesi e sarete certamente soddisfatti del vostro acquisto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *